EuBiome parte da Bruno

Bruno1 EuBiome trapianto fecale cani e gatti

Bruno quest’anno ha fatto il trapianto fecale di microbiota per tentare di alleviare la sua malattia intestinale ormai diventata cronica.

Bruno è un cane trovatello adottato da uno dei soci di EuBiome.
A 5 anni si è ammalato.
Ogni due settimane aveva vomito e diarrea con sangue.
Durava per giorni.
I veterinari avevano diagnosticato un’enteropatia cronica.
Sono stati fatti vari tentativi terapeutici, ma ciò che inesorabilmente diventava sempre più chiaro è che CRONICO vuol dire veramente cronico, per sempre, senza speranza.
Dopo ogni tentativo c’era un piccolo miglioramento, di durata variabile, ma inesorabilmente si ripiombava nella situazione di partenza.
Bruno continuava a stare male e di conseguenza i suoi padroni.
E la consapevolezza che a lungo termine l’infiammazione cronica può degenerare in tumore aumentava ulteriormente il livello di ansia.

Ma poi è arrivato un barlume di speranza, notizie che le enteropatie croniche sono legate ad un disequilibrio del microbiota intestinale e che il trapianto fecale può ripristinare l’equilibrio.
Nell’uomo è già protocollo clinico per curare le infezioni da C.diff., come spiega il Prof. Edoardo Savarino dell’Università di Padova in questa intervista.

Ecco quindi una possibile soluzione anche per Bruno!

In conclusione?

Bruno ha fatto il trapianto fecale di microbiota e oggi sta meglio.
Le crisi si sono ridotte sia in frequenza che in gravità.
I suoi padroni sono felici e in prima linea per aiutare anche altri animali malati a trovare sollievo.

EuBiome nasce così …

… per risolvere un problema personale, come succede a tante altre avventure.
Poi ti accorgi che lo stesso problema lo hanno in tanti.
Si stima che il 20 % dei cani e dei gatti soffra di problemi intestinali cronici.
Quindi eccoci qui!
Un team con interessi e competenze complementare su microbioma e su trapianto di microbiota.
Persone che vedono la potenzialità del microbioma di migliorare salute e benessere.
Persone che vogliono rendere accessibile questo strumento a chi ne ha bisogno.
Ma la strada è lunga, ci sono molte cose da fare per arrivare ad utilizzare il trapianto in modo mirato ed efficace.

Vuoi contribuire al progetto?

Mandaci un messaggio!
Saremo lieti di darti informazioni o chiarimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *